Domenica 21 Luglio 2019
torna in home page
 NEW Diocesi Verona - Uffici di Curia - Sezione Cultura - I contributi di mons. Giancarlo Grandis 
I contributi di mons. Giancarlo Grandis   versione testuale





 
1.      Famiglia: spazio di crescita spirituale o prestazione di servizio pastorale?
Mons. Giancarlo Grandis
 
Si tratta di un articolo pubblicato sulla Rivista «Orientamenti Pastorali» [7-8 (2011) 73-79] in cui l’Autore espone le principali tappe del cammino della Chiesa, per quanto riguarda la pastorale familiare svolta “per” e “con” la famiglia. Nell’articolo in modo specifico si profondisce il cammino fatto proprio anche dalla Chiesa italiana, si evidenzia la feconda ricaduta che ciò ha avuto nella esperienza della famiglia cristiana e nella pastorale familiare, in ordine alla chiamata universale alla “santità di vita”, di cui Gesù, Maestro e Modello divino di ogni perfezione, è egli stesso autore e perfezionatore; e, infine, si conclude mettendo in luce la partecipazione della famiglia alla missione della Chiesa, in quanto da questa generata sacramentalmente.
 
2.      La comunicazione della verità al malato:
un punto di vista etico
Mons. Giancarlo Grandis
In questo articolo pubblicato in Olivieri Viviana (a cura di), La verità sostenibile nella relazione operatore sanitario- paziente, Edizioni Libreria Cortina, Verona 2011, 35-38, l’Autore descrive da un punto di vista etico il tema della comunicazione della verità al malato, mettendo in evidenza alcuni aspetti quali il valore della verità, che tuttavia non può mai essere disgiunta da “buona comunicazione”, riguardo i contenuti, i modi e tempi.
 
 
3.      Percorso di accoglienza e di accompagnamento in una prospettiva etica della cura
    Mons. Giancarlo GrandisIn questo articolo Mons. Giancarlo Grandis sviluppa in modo approfondito e con un ricco conforto di citazioni bibliografiche il concetto di “natura umana” in bioetica.
Come riportato nella premessa di questo articoli, “Una riflessione sulle implicazioni di carattere antropologico e giuridico delle questioni riguardanti oggi la bioetica non può prescindere dall’affrontare una domanda preliminare che risulta quanto mai cruciale e decisiva per fondare e argomentare i giudizi etici di liceità e non liceità degli interventi tecnico/sperimentali sull’uomo: la domanda se esista o non esista una «natura umana» codificabile razionalmente da cui trarre una «legge naturale», culturalmente elaborabile, la quale ha poi i suoi riflessi sull’ambito del «diritto naturale»”.
In bioetica sempre più sorgono domande su chi è l’uomo e quale senso abbia il corpo umano.
Mons. Grandis porta il proprio contributo nel rispondere a queste cruciali questioni.
 
 
 
n>
In questo articolo pubblicato in Olivieri Viviana (a cura di), Il significato di salute, malattia, sofferenza e morte nelle religioni in ospedale, Edizioni Libreria Cortina, Verona 2011, 45-51, l’Autore descrive quali percorsi di accoglienza e di accompagnamento vanno messi in atto da un punto di vista etico nei confronti di un ammalato. Nell’articolo sono evidenziati i concetti di salute e di dolore anche in una prospettiva in cui emerge, come cristiani, il valore salvifico della Croce.
 
4. I cristiani in politica
 
 [lezione tenuta alla scuola diocesana di formazione socio-politica il 9 marzo 2013]
 
Mons. Giancarlo Grandis in questa relazione tenuta il 9 marzo del 2013 ai partecipanti alla Scuola di Formazione Socio-politica della Diocesi di Verona, ha affrontato il tema della presenza e dell’impegno dei cristiani in politica, una presenza che se caratteristica fin dai tempi antichi ai nostri giorni si è fatta alquanto più complessa, delicata, ma, proprio per questo, ancor più delicata.
Mons. Grandis, partendo dal “primo manifesto dell’impegno politico dei cristiani” (La Lettera a Diogneto), ripercorre, richiamandosi ad alcuni passi biblici, ai richiami dei Documenti Conciliari (Gaudium et Spes), alle esortazioni del Papa e dei Vescovi, al Catechismo della Chiesa Cattolica, alla Dottrina Sociale della Chiesa, e agli approfondimenti di alcuni tra gli autori contemporanei più qualificati, non tanto per dare delle risposte, ma per evidenziare l’importanza di questo impegno, lo stile che lo deve contraddistinguere, i valori che ne stanno alla base.
 
5. Il concetto di «natura umana» in bioetica
 
 Mons. Giancarlo Grandis
 
Articolo pubblicato in due fasi sulla Rivista «La coppia giovane» nn.16/3 (2003) 8-14 e 17/1 (2004) 7-16.
stampa  / segnala / condividi